Sito Ufficiale di Informazione Turistica della redazione locale di Piacenza

AFFRESCHI DEL PORDENONE

Opere, Monumenti, Piazze e Palazzi
Santa Maria di Campagna, ph. Pagani, Archivio Comune di Piacenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Giovanni Antonio de’ Sacchis detto il Pordenone operò a Piacenza dapprima tra il 1530 ed il 1532 e poi, successivamente nel 1535, affrescando la Basilica di Santa Maria di Campagna.
Nella prima occasione dipinse la lanterna, gli otto spicchi della cupola, i fregi dei costoloni, il fregio che corre sopra le loggette e la cappella di Santa Caterina; nella seconda si dedicò, invece, alla cappella dei Magi.
Il famoso pittore dall’acceso cromatismo, quasi spregiudicato di fronte al rigore classico, raggiunge qui livelli di espressione tra i più elevati.
Troviamo nella cupola il Padre Eterno, gli Angeli, i Profeti e le Sibille; nella cappella di Santa Caterina, la pala d’altare con lo Sposalizio mistico di Santa Caterina; nella cappella dei Magi le Storie dell’infanzia di Cristo.

INDIRIZZO
Basilica di S.M.di Campagna, P.le delle Crociate
LOCALITA'
Piacenza