BETA VERSION

Sito Ufficiale di Informazione Turistica della redazione locale di Piacenza

BASILICA DI SANTA MARIA DI CAMPAGNA

Architettura religiosa
Santa Maria di Campagna, ph. Carlo Pagani, Archivio Comune di Piacenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Gioiello dell’architettura rinascimentale, capolavoro della piena maturità dell’architetto piacentino Alessio Tramello. Fu costruita tra il 1522 e il 1528 per poter più degnamente conservare l’immagine lignea policroma di una miracolosa “Madonna della Campagnola”.

La facciata, geometricamente nitida, prelude ad un interno invece ricchissimo di ornamenti pittorici, di tele e di decorazioni. Di eccezionale qualità è il ciclo di affreschi del pittore Giovanni Antonio Sacchi, detto il Pordenone, che ha lasciato qui alcune delle sue opere più significative (1529-31).

Accedendo sul lato sinistro si incontra il dipinto dedicato a S. Agostino, recentemente restaurato e a seguire le cappelle dei Magi e di Santa Caterina commissionate da nobili famiglie locali.
L’opera di maggior impatto, completata da Bernardino Gatti detto il Sojaro resta la cupola, culmine e punto di partenza fu il Dio Padre del lanternino, scendendo con lo sguardo si trovano poi i Profeti e le Sibille con i loro “terribili scurti” tratto identificativo dell’autore, l’attività di Pordenone si concluse con gli ovali e il fregio dove temi religiosi si alternano a soggetti pagani, utilizzando anche il monocromo come richiamo all’antichità.

A seguito di un “richiamo in patria” la commissione per i frati non fu portata a termine da Giovan Antonio Sacchi, bensì dal Sojaro, con gli apostoli, il tamburo con le Storie della vergine e i pennacchi con gli Evangelisti.
All’interno opere anche di Galeazzo, Giulio e Bernardino Campi, Camillo Procaccini, Guercino, Malosso, De Longe, F. Bibiena, Stern, Avanzini.

Santa Maria di Campagna fu chiesa ducale, qui i Farnese celebrarono battesimi, vittorie e pregarono nei momenti difficili. Una scultura di Mochi che raffigura Ranuccio Farnese guarda l’altare dall’alto, mentre dietro allo stesso altare una lapide ricorda la sepoltura di Isabella e Francesco Farnese.

 

INDIRIZZO
Piazzale delle Crociate, 5
LOCALITA'
Piacenza
ORARIO

 

Orario di apertura:
7.00-12.00/15.30-19.00

TELEFONO
+39.0523.490728
FAX
+39.0523.480176

INDIRIZZO
Piazza Cavalli, 10 - Piacenza


TELEFONO
+390523492001


EMAIL
iat@comune.piacenza.it