BETA VERSION

Sito Ufficiale di Informazione Turistica della redazione locale di Piacenza

I TURTLITT AD SANT’ANTONI (le frittelle ripiene) DE.CO.

De.Co.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Comune
Piacenza

La tradizione dei “Turtlitt ad Sant’Antoni” affonda le sue radici in un tempo antico legato al borgo di S.Antonio a Trebbia(Piacenza) ed alla celebrazione della festa patronale che ricorre il 17 gennaio.

In occasione di tale ricorrenza era consuetudine per gli abitanti della citta e delle frazioni limitrofe recarsi a S. Antonio a Trebbia per ricevere la benedizione che il sacerdote impartiva ai campi, agli animali ed alle persone e gustare i turtlitt.
Nelle case era d’abitudine celebrare la festa con pranzi condivisi coi parenti ed amici, che non risiedevano nel borgo e, alla fine del pasto, offrire loro come dolce i tradizionali turtlitt.
Nei tempi passati i dolci, rigorosamente fritti in strutto bollente, erano preparati nelle singole case e nelle vane osterie, tanto che i1 profumo invadeva tutto il paese.

Da marzo del 2007, su istanza della scuola elementare di S. Antonio, è stata iscritta all’Albo comunale la scheda di produzione relativa ai Turtlitt ad Sant’Antoni, dolce tipico della frazione cittadina, della cui ricetta è depositaria la signora Giuseppina Zucca.

Ricette simili vendono prodotte in tutta la provincia nel periodo di Carnevale.

Ricetta

TIPOLOGIA
Dolce
difficoltà
facile
INGREDIENTI

per la pasta:
1 kg farina bianca
100 gr burro liquefatto
100 gr olio
100 gr zucchero
2 uova (1 intero + 1 tuorlo)
1 bicchiere di vino bianco secco
1 bicchierino di rhum
un pizzico di sale
odore di scorza di limone.

Per il ripieno:
350 gr castagne secche
300 gr mostarda senapata, ben tritata
50 gr cedro candito
50 gr cacao amaro
50 gr cioccolato in polvere
150 gr marmellata di prugne o amarene del tipo acidulo
100 gr amaretti polverizzati nel mortaio
cocktail di liquori vari (rhum, maraschino, vodka, cordial ….).

PREPARAZIONE

Mettere a bagno le castagne secche, togliere la pellicina quindi cuocerle in acqua salata con l’aggiunta di una foglia di alloro. Passare le castagne cotte al setaccio o passaverdura e metterle in una terrina. Aggiungere la mostarda e il cedro tritati, tritare gli amaretti.
Unire il tutto e aggiungere il cioccolato, il cacao, la marmellata e il cocktail di liquori.
Il ripieno deve risultare un impasto omogeneo e pastoso ed e consigliabile prepararlo almeno lt giorno precedente.
Per preparare la pasta si mette la farina a fontana, si aggiunge un pizzico di sale, si aggiungono lo zucchero, le uova (uno intero + un tuorlo), l’olio e il burro fuso (deve essere sciolto a fuoco basso perché non deve friggere). Si bagna con il vino e il rhum.
Impastare molto bene (le donne anziane dicevano e dicono “la pasta deve essere come seta”). Stendere la sfoglia, tirarla dello spessore di 2-3 millimetri, disporre mucchietti di ripieno a distanza regolare, ricoprire con pasta e ritagliare con la “rotella” i turtlitt a forma rettangolare e chiuderli premendo gli orli.
Friggere in abbondante strutto bollente e, non appena dorati sui due lati, toglierli con l’apposita paletta e metterli su carta assorbente, per togliere l’unto in eccesso; porli, quindi, su un vassoio e spolverizzarli con zucchero a velo.

Per informazioni


INDIRIZZO
Piazza Cavalli, 10 - Piacenza


TELEFONO
+390523492001


EMAIL
iat@comune.piacenza.it