BETA VERSION

Sito Ufficiale di Informazione Turistica della redazione locale di Piacenza

TORTELLO CON LA CODA DI VIGOLZONE DE.CO.

Prodotti tipici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il tortello con la coda è una tipica ricetta della tradizione piacentina; in dialetto si chiamano turtej.

Una sfoglia sottile che avvolge un morbido ripieno a base di ricotta, erbette e formaggio grattugiato. Il tutto chiuso rigorosamente a mano, intrecciato e arrotolato ai bordi nelle inconfondibili code.

Nel 2006 il tortello con la coda ha ricevuto la denominazione comunale, De.Co., dal comune di Vigolzone dove ha avuto origine l’idea della forma.
Era il 1351 quando le cuoche del castello di Vigolzone crearono dei fagottini di pasta ripiena in onore di Francesco Petrarca, illustre ospite di Bernardo Anguissola.

I tortelli con la coda sono i protagonisti della  Festa del Tortello che ogni anno si svolge a Vigolzone il terzo weekend di luglio.

Ricetta

TIPOLOGIA
Primo
difficoltà
Media
INGREDIENTI

Per il ripieno
– Ricotta
– Grana padano D.O.P.
– Spinaci o biete freschi
– Uova
– Noce moscata
Fatto 100 il contenuto di ricotta, il Grana padano D.O.P. avrà peso variabile tra 18 e 22 e le biete, opportunamente sbollentate e appena spremute, tra 10 e 15.

Per la pasta
– Farina di grano tenero 00
– Uova
– Acqua
– Sale
Per ogni chilo di farina si utilizzano 5 uova che possono essere aumentate a seconda dell’umidità. La quantità d’acqua è variabile a seconda delle necessità dell’impasto, ma non deve superare i 20 cl, in modo da garantire la corretta compattezza della pasta durante la cottura.

PREPARAZIONE

Preparare la pasta e lavorarla fino a ottenere delle sfoglie da cui ritagliare dei rettangoli di 70×100 mm.
Preparare il ripieno tritando finemente le biete (o gli spinaci) e amalgamando tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno. sino ad ottenere una crema composita.

Aiutandosi con un cucchiaio o con una forchetta, porre il ripieno al centro della pasta. Chiudere il rettangolo a mano in modo tale da ottenere la caratteristica chiusura simile ad una cucitura.
Bollire i tortelli in acqua. Si considerano cotti quando vengono a galla.

Il condimento tradizionale è a base di burro crudo. È ammesso l’uso della salvia. In particolari occasioni, e durante il periodo di raccolta, i tortelli vengono serviti anche con un sugo rosso di funghi.

Per informazioni