BETA VERSION

Sito Ufficiale di Informazione Turistica della redazione locale di Piacenza

Alta Val Tidone

Località

Caminata (PC), veduta del borgo, ph. Kiban

CC BY-SA 3.0
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Nato dall’unione di Nibbiano, Pecorara e Caminata questo comune sorge in area collinare, immerso in un paesaggio naturalistico suggestivo ricco di aree boschive e specificità floreali che convive con un’attività prevalentemente agricola.

Perché visitarla

Immergersi nella natura senza dimenticare la storia e la vocazione agricola di questo territorio costellato da storici mulini.

Quando andarci e cosa vedere

Ogni stagione regala colori, profumi, esperienze diverse: la rinascita della natura in primavera, le stellate estive, i vigneti variopinti in autunno e la festa dei mugnai a fine novembre.

Da non perdere

Nella località di Nibbiano meritano una visita il castello, oggi adibito ad abitazione privata e visibile solo esternamente che, assieme ai tanti altri manieri presenti su questo territorio, contraddistingue il paesaggio del piacentino, e la Chiesa di S. Pietro.

A Pecorara di sicuro interesse è la chiesa di San Giorgio, costruita a partire dal 1792, la chiesa presenta caratteri barocchi, negli stucchi e nell’altare proveniente dalla chiesa di San Vincenzo a Piacenza.

A Caminata il fascino è offerto da una passeggiata nel borgo che mantiene traccia di camminamenti segreti (da cui probabilmente trae il nome), oggi murati. Emerge il ruolo di antico avamposto anche dalle torri, e l’atmosfera dei tempi passati si respira nelle botteghe medioevali e nelle costruzioni in sasso. Caminata fu dogana tra lo Stato Sabaudo ed il Ducato di Parma e Piacenza.
Da vedere, oltre al suo borgo con le caratteristiche case in sasso, la Chiesa dei Santi Sinforiano e Timoteo.

Sulla tavola

Non si può lasciare questa zona senza aver assaggiato il batarö, pane battuto ottenuto con ingredienti semplici e una cottura veloce in forno a legna o sulla stufa, da abbinare con salumi e formaggi.

Per divertirsi

Guardare le stelle da un vero osservatorio, a Lazzarello, magari la notte di san Lorenzo è possibile, grazie al Gruppo Astrofili di Piacenza

Per tenersi in forma

Le associazioni attive sul territorio offrono opportunità di trekking e mbk lungo il sentiero del Tidone 

Appuntamenti di rilievo

Nel secondo semestre dell’anno alcuni appuntamenti dell’Appennino Festival e del Val Tidone Festival si tengono nelle località della valle.

Nel mese di settembre le località diventano protagoniste del Val Tidone Wine Fest

Non mancano le rassegne, fiere e le sagre: Rassegna Provinciale del Tartufo e dei prodotti del sottobosco in ottobre, la festa dei mugnai a novembre, la rievocazione medievale per la festa di San Colombano

Nei dintorni

A Strà il Santuario della Beata Vergine Madre delle Genti; a Sala Mandelli l’antico castello, la chiesa di origine trecentesca di S. Andrea e la sagra del batarö; nelle località di Trevozzo, Carreggio, Tassara, Stadera, Torre Gandini, Corticelli, Genepreto, Trebecco costellate di torri antiche mura castellane e pievi. 

Per gli appassionati di natura meritano una visita la diga del Molato e il Giardino Alpino di Pietra Corva.

Da non perdere anche Rocca d’Olgisio nel contesto dei Castelli del Ducato

Può interessarti anche

Località
Sulle dolci pendici della val Luretta sorge il centro abitato di Piozzano a sud del capoluogo.Perché visitarlaUn ambiente collinare diviso tra natura e coltura
Località
Podenzano è collocato in un lembo di pianura fra Nure e Trebbia, a poco più di 10 km da Piacenza.Perché visitarlaIl territorio di Podenzano
Località
Il comune, a chiara vocazione agricola – i fagioli sono la coltivazione locale tipica – si trova a pochi chilometri dall’uscita dell’Autostrada di Fiorenzuola